Catalogo informazioni ambientali

Il modo migliore di trattare le questioni ambientali è quello di assicurare la partecipazione di tutti i cittadini interessati, ai diversi livelli. Al livello nazionale, ciascun individuo avrà adeguato accesso alle informazioni concernenti l'ambiente in possesso delle pubbliche autorità, comprese le informazioni relative alle sostanze ed attività pericolose nelle comunità, ed avrà la possibilità di partecipare ai processi decisionali. Gli Stati faciliteranno ed incoraggeranno la sensibilizzazione e la partecipazione del pubblico rendendo ampiamente disponibili le informazioni. [...]   Dichiarazione di Rio sull'ambiente e lo sviluppo, 1992

Con il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195 l’Italia ha dato attuazione alla direttiva comunitaria 2003/4/CEE sull’accesso al pubblico all’informazione ambientale. Questa direttiva e la norma italiana di recepimento si imperniano essenzialmente su due principi:

 · il diritto del pubblico all’informazione ambientale

 · il dovere da parte della pubblica amministrazione di diffondere l’informazione ambientale.

 L’accesso alle informazioni ambientali assurge a vero e proprio diritto garantito a tutti, contribuendo così a rendere effettivi i tre punti fondamentali (cd. tre pilastri della democrazia ambientale) della convenzione di Aarhus del 1998 sull’accesso alle informazioni, la partecipazione dei cittadini e l’accesso alla giustizia in materia ambientale.

Informazione ambientale

E' qualsiasi informazione disponibile in forma scritta, visiva, sonora, elettronica od in qualunque altra forma concernente l’ambiente. Rientrano nella definizione tutte le informazioni riguardanti lo stato delle acque, dell'aria, del suolo, della fauna, della flora, del territorio e dei siti naturali, nonché i fattori, quali le sostanze, l'energia, il rumore, le radiazioni od i rifiuti, le emissioni, gli scarichi che incidono o possono incidere su tali componenti ambientali.

Si intendono per informazioni ambientali anche le attività o le misure, legislative e amministrative (piani, programmi, relazioni, analisi costi-benefici, provvedimenti amministrativi), che incidono o possono incidere sull’ambiente.

Sono da ricomprendervi anche lo stato della salute e sicurezza umana (compresa la contaminazione della catena alimentare), le condizioni della vita umana, il paesaggio, i siti e gli edifici d'interesse culturale, per quanto influenzabili dalle condizioni ambientali.

Diritto di accesso alle informazioni ambientali

Chiunque faccia richiesta ha diritto di accedere alle informazioni relative all'ambiente in possesso delle Autorità Pubbliche, senza dover dichiarare o dimostrare il proprio interesse.

Limitazioni ed esclusioni

In alcuni casi, previsti dalla normativa (art. 5 del decreto legislativo n. 195/2005), l'accesso può essere differito, escluso o limitato.

Esercizio del diritto di accesso

Per l’accesso alle informazioni ambientali detenute dal Settore Ecologia della Provincia la richiesta di accesso può essere presentata in via informale, presentandosi presso gli uffici del Settore.

Il richiedente deve indicare l'informazione a cui desidera accedere oppure gli estremi del documento che la contiene e di cui si vuole prendere visione o avere copia (ovvero gli elementi che consentano di individuarlo); è necessario, inoltre, provare la propria identità e gli eventuali poteri rappresentativi. La richiesta di accesso può essere presentata anche in forma scritta.(scarica qui il fac-simile di domanda) In tal caso dovrà essere allegato alla richiesta la copia del documento di identità.

In relazione alla mole delle informazioni richieste ed alla eventuale necessità di una loro elaborazione verrà concordato il termine entro quale le stesse saranno rese disponibili.

Per l'accesso per via telematica si applicano le disposizioni di cui all'art. 12 del Regolamento per l'accesso ai documenti amministrativi adottato dal Consiglio Provinciale in data 8 febbraio 2007, con deliberazione n. 2.

 Costi

La copia dei documenti è rilasciata subordinatamente al pagamento del costo di riproduzione quantificato in € 0,10 a facciata. [...] Per un numero di copie inferiore a 6, il rimborso non è dovuto. (dal Regolamento per l'accesso ai documenti amministrativi sopra citato)

 

Riferimenti normativi 

Convenzione di Aarhus sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l’accesso alla giustizia in materia ambientale;

Direttiva 2003/4/CEE sull’accesso del pubblico all’informazione ambientale;

Decreto legislativo 195 del 19 agosto 2005 di attuazione alla direttiva 2003/4/CEE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale;

Legge Regionale 6 maggio 2005, N. 11 (CAPO II) Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Regione Friuli Venezia Giulia derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee. Attuazione delle direttive 2001/42/CE, 2003/4/CE e 2003/78/CE. (Legge comunitaria 2004).

La Legge Regionale 6 maggio 2005, n. 11 stabilisce che i soggetti pubblici detentori di informazioni ambientali “realizzano le misure organizzative necessarie per garantire la disponibilita' e la diffusione dell'informazione ambientale, in particolare, mediante tecnologie di telecomunicazione informatica o tecnologie elettroniche".

In base a tale previsione il Settore Ecologia della Provincia di Pordenone ha istituito il “Catalogo delle informazioni ambientali" detenute dallo stesso, molte delle quali disponibili direttamente presso il sito web della Provincia.

Alcune delle informazioni ambientali vengono periodicamente elaborate per ottenere Indicatori Ambientali, modulati secondo lo schema DPSIR.

 

> Modulo per la richiesta di accesso alle informazioni ambientali (formato .rtf  - formato pdf)

 

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Turismo FVG
Dolomiti sito ufficiale
Europe Direct Pordenone