Raccolta funghi

Per poter raccogliere i funghi epigei nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia, ai sensi della L.R. 12/2000 e del DPGR 436/Pres , è necessario possedere la relativa autorizzazione (corredata dal tesserino) ed aver effettuato il versamento del corrispettivo annuale per la zona di raccolta prescelta.

 

Modalità per il rilascio dell’autorizzazione

L’autorizzazione viene rilasciata dalla Provincia di appartenenza o da qualsiasi Comunità montana della regione a:

  • richiedenti che hanno superato un colloquio abilitativo;
  • persone residenti in regione, con almeno 3 permessi di raccolta funghi, rilasciati dai Comuni o dalle Comunità Montane, nel periodo dal 17/05/1993 al 17/05/2000;
  • Persone che possiedono l'attestato di micologo ai sensi del Decreto del Ministero della Sanità n. 686 del 29/11/1996.

Le domande per il rilascio dell’autorizzazione alla raccolta devono essere presentate con marca da bollo € 16,00 entro il 31 maggio di ogni anno alla Provincia di appartenenza o a qualsiasi Comunità montana della regione.

Il colloquio abilitativo verterà sulle seguenti materie:

  1. riconoscimento delle più diffuse specie regionali di funghi eduli e velenosi;
  2. elementi generali di ecologia fungina e tossicologia;
  3. normativa in materia di raccolta e trasporto dei funghi;
  4. criteri di conservazione e preparazione dei funghi.

In preparazione al colloquio, la Provincia di Pordenone organizza un corso formativo (senza l’obbligo della frequenza) tenuto da esperti micologi che, indicativamente, si articola in 10 lezioni serali con sede presso il capoluogo provinciale.

Ai richiedenti è richiesto un contributo pari a € 30,00 da versarsi tramite bollettino postale sul ccp 00220590 intestato a: Amministrazione provinciale di Pordenone – Servizio tesoreria, con causale "corso formativo per autorizzazione raccolta funghi anno 20__". Le richieste prive della ricevuta del suddetto versamento non verranno accolte.

———————————————————————————————————————
Costo a carico del richiedente

  • marca da bollo per la domanda € 16,00;
  • contributo spese per partecipare al corso formativo € 30,00;
  • ad esame superato, marca da bollo per il rilascio dell'autorizzazione € 16,00;
  • ad esame superato, contributo per le spese del tesserino € 5,00.

 

modulistica >>>

 

Regole per la raccolta

La ricerca di funghi non è consentita nelle ore notturne, da un'ora dopo il tramonto ad un'ora prima del sorgere del sole.

E' vietato l'uso di rastrelli, uncini o altri mezzi che possano danneggiare lo strato umifero del terreno, il micelio fungino o l'apparato radicale della vegetazione. E' vietata la distruzione volontaria dei funghi di qualsiasi specie. I funghi dovranno essere raccolti evitando di danneggiare il micelio sottostante e, all'atto della raccolta, puliti sommariamente sul posto e riposti in contenitori rigidi e areati. E' vietato in ogni modo l'uso di borse di plastica.

Il titolare può raccogliere, avvalendosi al massimo di due familiari, non più di 3 kg di funghi al giorno. Tale limite può essere superato solo se il raccolto è costituito da un unico esemplare o da un solo cespo di funghi concresciuti.

 La raccolta dei funghi non è mai consentita:

  • sui terreni di proprietà privata, idoneamente tabellati;
  • nelle riserve naturali e nei biotopi istituiti ai sensi della L.R. 42/1996.

 

Divieti di raccolta

  • è vietata la raccolta dell’Amanita cesarea allo stato di ovulo chiuso;
  • è vietata la raccolta di esemplari appartenenti al gruppo del Boletus edulis (B. edulis, pinophilus, aestivalis ed aereus) quando il diametro del cappello sia inferiore a 3 cm.

 

Permesso temporaneo turistico

È rilasciato dalle Comunità montane e dai Comuni montani ai turisti che soggiornino nei territori montani. Tali permessi, suddivisi in giornalieri, settimanali e quindicinali, non sono rinnovabili.

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Turismo FVG
Dolomiti sito ufficiale
Europe Direct Pordenone